Pagine di approfondimento

Wednesday, May 5, 2021 - 15:04:29

REGOLAMENTO

Premio Letterario Città di Verona

Prima Edizione

Con il patrocinio di:

Per la prima volta nella Città di Verona, “porta del futuro” di tutto il Triveneto, ARTIFICES presenta il premio letterario dal titolo “Oggi è domani - il futuro che è già”, rivolto a tutta la produzione di opere letterarie inedite nell’ambito delle categorie narrativa, saggistica, poesia e raccolta antologica presentate in lingua italiana. I contenuti dovranno essere inerenti al tema oggetto del titolo e, quindi, trattare di: futuro, cambiamento, sogni, opportunità, sfide, innovazioni, nuovi inizi.

Possono partecipare testi di Autori che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età alla data di scadenza del bando.

Non sono ammessi testi inneggianti alla violenza o penalmente perseguibili, né con contenuti razzisti, sessisti, blasfemi, erotici o pornografici.

Art. 1. Le opere dovranno essere inedite, pena l’esclusione. L’autore dichiara, altresì, che l’opera proposta è di propria realizzazione e ingegno e non lede in alcun modo i diritti d’autore ed editoriali propri e/o di terze parti.

Art. 2. Sono previste CINQUE sezioni, ognuna per categorie diverse.

Sez. 1 – NARRATIVA: componimento di tipo romanzo, novella o racconto di massimo 400.000 (quattrocentomila) caratteri spazi inclusi. Il concorrente partecipa con un solo testo inedito con sviluppo di tema impostato (che non si sia classificato ai primi 3 posti in altri concorsi, pena l’esclusione).

Sez. 2 – SAGGISTICA: componimento critico a carattere scientifico o divulgativo di massimo 400.000 (quattrocentomila) caratteri spazi inclusi. Il concorrente partecipa con un solo saggio inedito con sviluppo di tema impostato (che non si sia classificato ai primi 3 posti in altri concorsi, pena l’esclusione); sono ammesse tesi di laurea già presentate presso i propri Atenei, purché nel rispetto del tema.

Sez. 3 – POESIA: componimento poetico di massimo 40 (quaranta) versi. Il concorrente può partecipare con un numero massimo di 2 (due) opere inedite con sviluppo di tema impostato (che non si siano classificate ai primi 3 posti in altri concorsi, pena l’esclusione).

Sez. 4 – RACCOLTA ANTOLOGICA: racconto antologico di massimo 6.000 (seimila) caratteri spazi inclusi. Il concorrente partecipa con un solo racconto inedito con sviluppo di tema impostato (che non si sia classificato ai primi 3 posti in altri concorsi, pena l’esclusione).

Sez. 5 – OPERA DEDICATA: componimento rientrante in una delle quattro categorie qui sopra menzionate, inedito con sviluppo di tema impostato dedicato a Verona e al Veneto (che non si sia classificato ai primi 3 posti in altri concorsi, pena l’esclusione).

Art 3. Il carattere da utilizzare per la scrittura delle opere è il Times New Roman 12 su documento in formato Word foglio standard A4 salvato in PDF. Per i componimenti di narrativa e saggistica, la lunghezza non deve superare il numero massimo di 400.000 (quattrocentomila) caratteri spazi inclusi; per le poesie, la lunghezza non deve superare i 40 (quaranta) versi; per il racconto antologico, la lunghezza non deve superare il numero massimo di 6.000 (seimila) caratteri spazi inclusi. Un ragionevole splafonamento potrà essere accettato. I testi da inviare dovranno essere privi dei dati personali dell’autore, pena la squalifica dal concorso.

Art. 4. Le opere non verranno restituite. I concorrenti ne resteranno tuttavia unici proprietari.

Art. 5. I dati personali trasmessi verranno trattati in conformità ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 per le sole finalità connesse al concorso*.

Art. 6. GIURIA E PREMI. La Giuria determinerà una classifica in considerazione della qualità delle opere, dei valori dei contenuti e la forma di scrittura utilizzata, basandosi su una sensibilità umana e artistica. L’operato della Giuria è insindacabile e inappellabile. La Giuria potrà anche decidere di non assegnare i premi. I vincitori verranno contattati via PEC o via posta raccomandata. I PREMI sono visualizzabili QUI.

Art. 7. Modalità e termini per la partecipazione. Il materiale dovrà essere inviato entro e non oltre le ore 23:59 dell’11 Aprile 2021, unicamente a mezzo e-mail a davinci@artifices.it insieme al presente REGOLAMENTO firmato in calce, alla SCHEDA DI PARTECIPAZIONE, compilata in ogni sua parte in stampatello e firmata in calce, all’INFORMATIVA sul trattamento dei dati personali firmato in calce e all’attestazione del versamento del contributo di partecipazione pari a € 10,00 per ogni sezione a cui si partecipa.

Art. 8. I premi potranno essere ritirati solo personalmente durante la manifestazione di premiazione. A tutti i partecipanti verranno fornite con ampio preavviso tutte le indicazioni circa la data e il luogo ove si terrà la premiazione, in base alle disposizioni del DPCM corrente nel periodo. È quindi mandatorio essere presenti al ritiro del premio, previo annullamento dello stesso in caso di assenza. Non si accetteranno deleghe, se non in casi di salute estremamente gravi.

Art. 9. Ogni Autore (o chi ne tutela i diritti), proponendo la propria opera al Premio, sottoscrive e accetta integralmente e incondizionatamente il contenuto del presente Regolamento, comprensivo di 10 (dieci) articoli. L’Autore dà anche piena assicurazione che la rappresentazione o eventuale pubblicazione dell’opera non violerà, né in tutto, né in parte, diritti di terzi. Il comitato organizzatore si riterrà sollevato da eventuali rivalse di terzi, di cui risponderà esclusivamente e personalmente l’Autore. Nel caso in cui non venisse raggiunta una quantità di testi congrua per una sezione o, all’interno dello stesso materiale, la Giuria non dovesse esprimere notazioni di merito per determinate opere, la segreteria si riserva di non attribuire alcuni premi.

Art. 10. DIRITTI D’AUTORE e PUBBLICAZIONE.

  • Le opere vincitrici del 1° premio della Sezione Narrativa (Sez. 1) e della Sezione Saggistica (Sez. 2) verranno pubblicate, curate, stampate e distribuite da ARTIFICES S.R.L.S. con il marchio Edizioni ZEROTRE e verranno rese disponibili il giorno della premiazione. Se ritenuto necessario dall’editore, le opere potranno essere sottoposte a operazioni di editing prima della pubblicazione (l’Autore dichiara di accettare espressamente tale clausola). Gli Autori dichiarano di accettare espressamente le clausole del CONTRATTO DI PUBBLICAZIONE. In sede di premiazione, verrà sottoscritto il contratto di edizione in forma pubblica.
  • Le poesie (Sez. 3) e i racconti antologici (Sez. 4) meritevoli verranno inseriti, ciascuno per la propria categoria, in una pubblicazione curata, stampata e distribuita da ARTIFICES S.R.L.S. con il marchio Edizioni ZEROTRE e verranno rese disponibili il giorno della premiazione. Nel caso non si raggiungesse un numero sufficiente di opere per ogni singola categoria, verrà realizzata un’unica pubblicazione con all’interno le opere meritevoli di entrambe le categorie. Se ritenuto necessario dall’editore, le opere potranno essere sottoposte a operazioni di editing prima della pubblicazione (l’Autore dichiara di accettare espressamente tale clausola). Poiché partecipanti al Premio, gli Autori cedono il diritto non esclusivo di pubblicazione al promotore del Premio senza aver nulla a pretendere come diritto. I diritti rimarranno comunque degli Autori, che potranno, quindi, far uso dei propri elaborati come vogliono.

Contributo di partecipazione

Per prendere parte al Premio Letterario Città di Verona - 1a Edizione è richiesto un contributo di partecipazione per ogni sezione di € 10,00 a copertura delle spese organizzative e di segreteria. È ammessa la partecipazione a più sezioni corrispondendo i relativi importi in forma cumulativa.

L’iscrizione andrà fatta mediante Bonifico bancario:

IBAN: IT77M0832759750000000600229

Intestato a: ARTIFICES S.R.L.S.

Causale: Iscrizione (inserire nome e cognome autore) sezione (inserire numero) Premio Letterario Città di Verona - 1a Edizione

I premiati saranno informati con una mail di conferma entro il 30 Maggio 2021.

Le comunicazioni saranno sempre effettuate via mail.

La data della premiazione dei vincitori verrà comunicata successivamente tenendo conto della situazione pandemica e alle disposizioni del DPCM corrente nel periodo. Si prevede che si possa tenere nella seconda metà di Giugno 2021.

Presidente del Premio: Verrà svelato a breve

Commissione di Giuria: Verrà svelata a breve

Presentatore della serata di Premiazione: Verrà svelato a breve

Contatti: e-mail: davinci@artifices.it, Tel. 045-7114134

*Ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 i partecipanti acconsentono al trattamento, diffusione ed utilizzazione dei dati personali da parte dell’organizzatore ARTIFICES S.R.L.S. e della casa editrice Edizioni ZEROTRE per lo svolgimento degli adempimenti inerenti al concorso e altre finalità culturali afferenti.

Il trattamento potrà effettuarsi con o senza l’ausilio di strumenti elettronici o comunque automatizzati nei modi e nei limiti necessari per il proseguimento dei fini statuari, anche in caso di eventuale comunicazione a terzi e nel rispetto delle modalità previste dall’articolo 13 del Regolamento UE 2016/679 (modulo di raccolta, utilizzo, aggiornamento, pertinenza e conservazione). Agli interessati sono riconosciuti i diritti secondo il Regolamento UE 2016/679, in particolare, il diritto di accedere ai propri dati personali di chiedere la rettifica degli stessi, il loro aggiornamento e la loro cancellazione qualora fossero incompleti, erronei o siano stati raccolti in violazione della legge, nonché di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi.

Si fa presente che, per la sola partecipazione al Concorso, gli indirizzi email dei partecipanti saranno automaticamente inseriti nelle liste delle nostre newsletter commerciali perché queste saranno utilizzate anche per comunicazioni di servizio. Ci si potrà disiscrivere in qualsiasi momento.

In conformità allo stesso art.13 del Regolamento UE 2016/679, allo scopo del Premio Letterario in oggetto, i partecipanti dovranno firmare il presente REGOLAMENTO, compilare in tutte le sue parti e firmare la SCHEDA DI PARTECIPAZIONE e firmare anche l’INFORMATIVA sul trattamento dei dati personali.

 

Luogo e Data ___________________________ Firma __________________________________

 

                                    

PREMI                        REGOLAMENTO     SCHEDA                   INFORMATIVA

Continua leggere...

Friday, April 30, 2021 - 08:32:40

1 Mura di Cangrande

https://it.wikipedia.org/wiki/Mura_scaligere_di_Verona

Mura di Cangrande (1325)

https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_della_Madonna_del_Terraglio

 

3 Porta del Palio

https://it.wikipedia.org/wiki/Porta_Palio

https://it.wikipedia.org/wiki/Palio_del_drappo_verde

https://it.wikipedia.org/wiki/Ezzelino_II_da_Romano

L'incontro tra Dante e Brunetto Latini

4 Porta del Calzaro

https://www.veronacittamurata.it/history/

5 Porta Fura e Porta della Catena

http://laveja.blogspot.com/2011/01/verona-porta-catena-porta-fura-tra-i.html

 

8 Torretta della Catena

https://it.wikipedia.org/wiki/Torre_della_Catena_(Verona)

12 PORTA DEL MORBIO

Attraversando un’apertura ad arco (dotata di un cancello a pannelli modulari intrecciati con piatti di ferro che richiama le cancellate medievali), dall’ultima sala della Galleria si esce nell’area espositiva dedicata alla statua equestre di Cangrande I della Scala, signore di Verona tra il 1309 e il 1329.
Di fronte si apre la porta del Morbio, appartenente alla cinta muraria alto-medievale della città e occlusa al momento della costruzione del castello scaligero; sia la porta che l’antico tratto delle mura comunali vennero alla luce durante i lavori di restauro degli anni Sessanta.
In questo punto nodale dell’intero complesso, ove confluiscono i percorsi del museo con quelli urbani e si intravede (al di sopra della porta) la strada che conduce al ponte di Castelvecchio, Scarpa individua il luogo ideale per posizionare la straordinaria scultura, simbolo della città e del museo, rappresentante “il magnifico Signore”, colui che aveva reso Verona una capitale del Medioevo europeo e alla sua corte aveva ospitato Dante Alighieri. (dal sito Museo di Castelvecchio https://museodicastelvecchio.comune.verona.it/)

17 PORTA ROFIOLO (TORRE DETTA DI ALBERTO DELLA SCALA)

25 PORTA "SANCTI ZENONIS" (PORTONI BORSARI)

https://it.wikipedia.org/wiki/Porta_Borsari

41 PORTA DELLA VITTORIA

https://it.wikipedia.org/wiki/Porta_Vittoria_(Verona)

https://it.wikipedia.org/wiki/Fregnano_della_Scala

S. Maria della Vittoria vecchia Cangrande II della Scala, in seguito alla vittoria riportata contro il fratello bastardo Fregnano, fece erigere in Campo Marzo una chiesa dedicata a Maria Vergine e a S. Giorgio, detta comunemente della Vittoria vecchia, consegnata in seguito ai Gerolomini che vi costruirono vicino il proprio monastero. La chiesetta, che si trova appena passato il varco che immette in lungadige Porta Vittoria, fu bombardata nel 1945 e della sua struttura rimane ora visibile solo la facciata. (TRATTO DA CARNET)

53 PORTA DEL SANTO SEPOLCRO - PORTA DEL VESCOVO

https://it.wikiphttps://it.wikipedia.org/wiki/Porta_Vescovo

 

Continua leggere...

Monday, April 26, 2021 - 20:30:54

11 CASTELLO DI SAN MARTINO IN ACQUARO (CASTELVECCHIO)

wikipedia.https://it.wikipedia.org/wiki/Castelvecchio_(Verona)

https://it.wikipedia.org/wiki/Ponte_di_Castelvecchio

12 ARCO DEI GAVI

https://it.wikipedia.org/wiki/Arco_dei_Gavi

14  CANALE DELL'ADIGETTO

wikiphttps://it.wikipedia.org/wiki/Adigetto

17 TORRE DETTA DI ALBERTO DELLA SCALA (PORTA ROFIOLO)

https://it.wikipedia.org/wiki/Mura_comunali_di_Verona

28  CORTE SGARZERIE (LOGGIA DEL MANGANO)

it.wikipedia.org/wiki/Corte_Sgarzerie

Gli Scaligeri dettero un grande impulso al settore laniero cittadino ed è inoltre facile da intuire quanto l’Adige avesse un ruolo preminente per lo sviluppo di questa attività. La lana infatti arrivava direttamente dai pascoli della montagna e scendeva in città tramite i barchini che attraccavano vicino all’odierno Ponte della Vittoria. Da qui il prodotto grezzo veniva scaricato e lavato direttamente nel fiume per poi essere trasportato nei pressi di Veronetta dove i panni venivano imbevuti in una soluzione saponosa, pigiati in file e sottoposti ai colpi di maglio della gualchera (una macchina azionata dall’acqua) che li rendeva sodi. Dopo questo processo la lana veniva portata alle Sgarzerie dove veniva grattata con un cardo selvatico e preparata per le successive lavorazioni.

UNA CORTE UNICA NEL SUO GENERE

Corte Sgarzerie divenne epicentro e fulcro di questa attività visto che al tempo si contavano nei suoi pressi quattordici attività con almeno una sessantina di artigiani impegnati tra le botteghe e il fondaco delle balle (magazzino dove venivano tenuti i tessuti). Quando i veneziani imposero la loro giurisdizione su Verona la questione della lana divenne spinosa: loro impegnati nel commercio fiorente della seta, i veronesi ad occupare i primi posti in quello della lana. La Repubblica sistemò la questione imponendo dei dazi ai prodotti veronesi in modo che questi perdessero di competitività rispetto alla seta veneziana. (Tratto da Pantheon "Storie di Storia")

30  PIAZZA ERBE - DOMUS MERCATORUM - TORRE DEL GARDELLO - FONTANA "MADONNA VERONA"

https://it.wikipedia.org/wiki/Piazza_delle_Erbe_(Verona)

LA FONTANA DI "MADONNA VERONA"

La sua posizione centralissima, collocata nel mezzo dell'antico foro romano della città, ne fa sicuramente uno dei monumenti più importanti di Verona. La fontana posta alla metà di Piazza Erbe è nota con il nome di "Madonna Verona", in virtù della statua dalle sembianze femminili che campeggia al di sopra della vasca.

Il monumento venne fatto costruire da Cansignorio della Scala durante l'anno 1368, recuperando una vasca termale in marmo rosso veronese di epoca romana e apponendovi il corpo di una statua altrettanto antica, cui vennero aggiunte le parti mancanti, vale a dire il capo e le braccia. Si trattò di un'edificazione volta a rendere omaggio alla città e alla sua lunga storia, in occasione probabilmente del ripristino dell'acquedotto che sin dal tempo dei Romani riforniva la città con l'acqua proveniente dalle colline.

In linea con la volontà di celebrare la tradizione storica dell'urbe, vennero fatti scolpire tutt'intorno allo stelo che s'innalza dalla vasca e funge da piedistallo per la statua, le effigi dei re del passato di Verona. Tra questi rientra anche il mitico re Vero, da cui secondo la leggenda deriverebbe il nome stesso della città, Verona sua regina. Si possono poi notare i volti di Alboino re dei Longobardi e Berengario duca del Friuli che proprio a Verona stabilì la capitale del suo regno.

La statua di "Madonna Verona" dunque, nulla ha a che vedere con la Vergine Maria del Cristianesimo, essendo piuttosto la personificazione della città stessa, rappresentata quale figura di donna maestosa e altera, una vera e propria signora medievale, una regina con tanto di corona, proprio per questo appellata "Mia signora", "Mea domina" appunto, da cui la forma contratta di "Madonna". La statua simbolo della città incarna dunque lo splendore e la ricchezza di Verona, esprimendone inoltre la longevità attraverso il recupero del corpo d'età romana e il suo completamento nelle parti assenti, a testimonianza dello sviluppo della città in epoca medievale sotto la Signoria Scaligera.

Un'ultima peculiarità da rilevare riguarda il cartiglio in rame che è elegantemente esposto tra le mani dalla "Madonna Verona": l'incisione che è tuttora possibile leggere, riporta l'antico motto della Verona comunale "Est iusti latrix urbs haec et laudis amatrix", ossia "Questa città è dispensatrice di giustizia e amante della lode". (tratto da Verona Sera 4 Novembre 2015)

https://it.wikipedia.org/wiki/Torre_del_Gardello

https://it.wikipedia.org/wiki/Domus_Mercatorum

31 ARCHE SCALIGERE

https://it.wikipedia.orghttps://it.wikipedia.org/wiki/Arche_scaligere

32 BIBLIOTECA CAPITOLARE

https://it.wikipedia.org/wiki/Biblioteca_capitolare_di_Verona

46 COLLE SAN PIETRO

https://it.wikipedia.org/wiki/Castel_San_Pietro_(Verona)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua leggere...

Monday, April 26, 2021 - 17:12:55

11 PONTE SCALIGERO

https://it.wikipedia.org/wiki/Ponte_di_Castelvecchio

Il Ponte Scaligero in una vecchia cartolina (Fondo Storico Mons. Munerati)

Il Ponte Scaligero in una stampa d'epoca (Fondo Storico Mons. Munerati)

33  PONTE PIETRA

https://it.wikipedia.org/wiki/Ponte_Pietra

“Gruppo di lavandare” sotto il Ponte Pietra sullo sfondo Riva Sant’Alessio

 

35  PONTE NUOVO

https://it.wikipedia.org/wiki/Ponte_Nuovo

37  PONTE DELLE NAVI

https://it.wikipedia.org/wiki/Ponte_Navi

Continua leggere...


Per info, ordini, esigenze particolari, reclami o resi contattaci a
davinci@artifices.it ] oppure [ +39 0457114134 / +39 345 7151809
ARTIFICES SRLS - P.IVA: 04429100235 - REA: vr-419537
Sede Legale: Via Europa, 8 - 37060 Castel d'Azzano (VR) - davinci@artifices.it - +39 0457114134
Sede Operativa: Via G. Garibaldi, 5/20 - 37057 S. Giovanni Lupatoto (VR) - davinci@artifices.it - +39 0457114134 / +39 345 7151809 - Fax: 0457114134
Continuando la navigazione su questo sito, si acconsente all'utilizzo dei cookies e si dichiara di aver letto e accettato integralmente la nostra Informativa sulla privacy  e la nostra Policy sui Cookies
E-Comm 2 (1.6.5) .::. © TLG Design 2016-2021