IL CIELO E I LUOGHI SACRI DEI CELTI
ISBNFormatoPagineQ.tàPrezzo
978889841104713,5x21x2,244530,00 €

Aggiungi al carrello


Italia
spedizione gratuita per ordini uguali o superiori a 60,00 €

Comunità Europea
spedizione gratuita per ordini uguali o superiori a 130,00 €

Tutti gli altri Paesi
spedizione gratuita per ordini uguali o superiori a 250,00 €


Per raggiungere il budget minimo di spesa, all’acquisto dei libri puoi aggiungere altri prodotti dei nostri negozi su questo sito, visitali tramite il filtro negozi a sinistra dei prodotti
Per info, ordini esigenze particolari, reclami o resi contattaci a:
giovanni.p@edizionizerotre.com ] oppure [ +39 0457114134 / +39 345 7151809
Collana:

Paganitas

IL CIELO E I LUOGHI SACRI DEI CELTI

Editore:

Associazione Culturale Fonte di Connla

www.facebook.com/www.irminsul.it
Autore:

Adriano Gaspani

Profilo | Recensioni

Podcast:

Descrizione:

“E’ un dato di fatto dimostrato che i Celti non hanno mai costruito templi prima della sottomissione dei romani e prima della loro assimilazione ai greci” J. Markales. Questo è vero soprattutto per le popolazioni galliche stanziate nella Gallia settentrionale e dipende anche dalla definizione classica di “tempio” in senso stretto, classico cioè un edificio in pietra o in legno dotato di alzato. Entremont, Glanum, Roquepertuse confermano che i Galli del Sud costruirono dei templi già dal III secolo a.C. sotto l’influenza della cultura greca delle colonie greche presenti sulla costa meridionale della Gallia, ma a Glanum esisteva già da prima un semplice santuario alla sorgente del fiume. Ecateo di Abdera menziona un tempio rotondo dedicato ad Apollo “su un’isola”, ma doveva trattarsi di una struttura megalitica identificata nel complesso neolitico di Callanish. Da Livio sappiamo che i Boi avevano un tempio a da Polibio che gli Insubri ne avevano uno dello stesso tipo. Cesare non parla mai di templi, bensì usa l’espressione “locus consecratus”, “luogo consacrato”. I Celti li chiamavano “nemeton”, parola che ha la stessa radice di “Nem”, che significa “Sfera Celeste”. In questi siti i Druidi, ma soprattutto i Gutuater eseguivano le osservazioni astronomiche finalizzate all’amministrazione del culto e al controllo del calendario.

Per info, ordini, esigenze particolari, reclami o resi contattaci a
giovanni.p@edizionizerotre.com ] oppure [ +39 0457114134 / +39 345 7151809
Edizioni ZEROTRE SRLS - P.IVA: 04902600230 - REA: vr-454814
Sede Legale: Via crociata, 8 - 37030 Lavagno (VR) - giovanni.p@edizionizerotre.com - 39 045 7114134
Sede Operativa: Via Monte Fiorino, 2 - 37057 S. Giovanni Lupatoto (VR) - giovanni.p@edizionizerotre.com - +39 0457114134 / +39 345 7151809 - Fax: 0457114134
Continuando la navigazione su questo sito, si acconsente all'utilizzo dei cookies e si dichiara di aver letto e accettato integralmente la nostra Privacy Policy e la nostra Cookie Policy
E-Comm 2 (1.6.6) .::. © TLG Design 2016-2024